Mac OS Catalina, iPad come partner
Mac OS Catalina

Se sei stato un fan del Mac negli ultimi dieci anni, probabilmente ti sei sentito come un bambino che è stato figlio unico fino a quando i genitori non hanno tirato fuori il fratellino maggiorenne. Ma non era un bambino qualsiasi. Il piccolo prodigio è diventato uno studente di serie A, una star dello sport e un essere umano dignitoso amato da tutti nella comunità. Ogni tanto la gente si ricorda che il bambino ha un fratello più grande, che ammettono essere anche piuttosto figo. Questo è il Mac.

Ma, dopo più di un decennio di vita all’ombra dell’iPhone, il Mac sta avendo un ritorno di fiamma. Alla WWDC di giugno 2019, Apple non solo ha presentato la prossima generazione di software Mac (MacOS 10.15 Catalina) ma ha anche annunciato un nuovo Mac Pro con il tipo di specifiche che i professionisti hanno quasi implorato Apple di realizzare per anni.

Apple lo ha abbinato a un Pro Display XDR corrispondente, con caratteristiche ancora più impressionanti. Entrambi i prodotti partono da 5.999 dollari e si rivolgono ai più alti creatori di fascia alta, come gli artisti degli effetti speciali, gli animatori e gli studi cinematografici.

Per le persone che amano il Mac, è una boccata d’aria fresca (anche se non potranno mai permettersi un Mac Pro o un Apple Pro Display XDR) perché significa che Apple sta trattando di nuovo il Mac come un professionista. E, sperano che questo significhi che i Mac che possono permettersi, come il MacBook Air, il MacBook Pro, l’iMac e il Mac Mini, diventeranno migliori e più produttivi.

E questo ci porta al nuovo MacOS Catalina, che è ora disponibile come download gratuito. Apple aveva bisogno di un aggiornamento software di livello professionale per potersi adattare all’hardware di livello professionale che ha mostrato in primavera. Eppure, la cosa più notevole che è successa al Mac negli ultimi anni sono state le quattro applicazioni per iPad poco stimolanti che Apple ha portato al Mac nel 2018: Apple News, Stocks, Voice Memos e Home. Nessuna di esse era molto simile al Mac, e non hanno dato a nessuno molta fiducia nel fatto che Apple abbia investito nel Mac.

Tuttavia, Catalina cambia la narrazione. Fa sentire il Mac di nuovo più “pro”. Dà l’impressione che Apple abbia deciso che il futuro del MacOS non sia quello di renderlo sempre più simile a iOS. Apple si accontenta di lasciare che MacOS sia la propria piattaforma rivolta a persone che sono focalizzate sul laser per svolgere un lavoro importante. E questa è una vittoria per chi si affida ogni giorno ai Mac per essere produttivo e creativo.

Dopo anni di timore che Apple stesse cercando di spingere tutti a fare il proprio lavoro su iPad invece che su Mac e che potesse lentamente eliminare i computer tradizionali, gli utenti Mac possono trarre conforto dal fatto che Catalina colloca il Mac in un solido (anche se specializzato) posto nell’universo Apple. L’ecosistema di Apple è maturato fino al punto in cui l’iPad e il Mac possono coesistere pacificamente.

Ma, ecco la più grande ironia di Catalina, un upgrade che preannuncia il riemergere del Mac come piattaforma indipendente: molti dei suoi più grandi progressi sono legati a una nuova e più stretta collaborazione con l’iPad. Sappiate che il nuovo rapporto speciale tra Mac e iPad rafforza il ruolo ridefinito del Mac nell’universo Apple.

Ora, scaviamo nei cinque aggiornamenti più importanti di Catalina. Poi, concluderemo con una serie di altre importanti modifiche e scaveremo se è il caso di installare Catalina sul vostro Mac.

La fine di iTunes

Una delle lamentele più comuni tra gli utenti Mac da oltre un decennio è stato il modo in cui iTunes è diventato gonfio e ingombrante, come Apple ha ammucchiato film, programmi televisivi, audiolibri, backup di iPhone e altro ancora in un’applicazione che è stata chiamata per il suo scopo originale come lettore di musica digitale.

Con Catalina, Apple ha finalmente suddiviso il suo juggernaut digitale sul Mac in quattro app separate (Musica, Podcast, TV e Libri) insieme a nuove funzionalità nel Finder per gestire la gestione dei dispositivi e i backup quando il vostro iPhone o iPad è collegato al vostro Mac.

L’interfaccia di iTunes era diventata molto complicata e confusa quando si cercava di passare da musica, film e altre forme di media. Le nuove app separate sono semplici e rade, ma generalmente coerenti e utilizzabili. Se eravate preoccupati che i CD che avete masterizzato o altri file multimediali digitali che avete importato in iTunes si perdessero o si strappassero nella conversione a Catalina, la buona notizia è che tutta quella roba sembra essere gestita piuttosto bene. È solo in posti nuovi.

Comunque, aspettatevi un po’ di stranezze qua e là, e alcuni bug che devono ancora essere risolti.

Le app per iPad sul Mac (alias Catalyst)

Un altro dei maggiori fattori di paura per gli utenti Mac con l’arrivo di Catalina è stato il nuovo framework per gli sviluppatori per portare le applicazioni iPad sul Mac. Forse avete già sentito parlare di questo aspetto con il nome in codice Marzipan, ma Apple lo ha ufficialmente nominato Project Catalyst alla WWDC 2019.

Il timore era che un gruppo di app per iPad di bassa qualità non ottimizzate per il Mac avrebbe inondato il Mac App Store e che le app native ottimizzate per il Mac si sarebbero perse nel diluvio. Questa percezione non è stata aiutata dal fatto che le prime quattro app per iOS rilasciate da Apple per il Mac lo scorso anno non erano molto buone e non sono state ben accolte dagli utenti Mac.

Tuttavia, un anno ha fatto una grande differenza (anche se quelle quattro app originali hanno ancora bisogno di essere sistemate). La più grande testimonianza di quanto Catalyst sia arrivato lontano è l’app Podcast. È una porta Catalyst dell’app per iPad, ma è stata modificata con menu nativi per Mac e look-and-feel. Ha anche una bella coerenza con le app Musica, TV e Libri, che sono app native per Mac.

Catalyst sta anche portando una serie di app per iPad di qualità che potrebbero essere potenzialmente gradite agli utenti Mac, tra cui Twitter, TripIt, Rosetta Stone, Vectornator, Zoho Books, GoodNotes, Carrot Weather, Jira Cloud e DC Universe. Tutti questi sembrano cercare di essere dei bravi cittadini Mac, anche se mantengono ancora un po’ di “look and feel” dell’iPad.

Al momento del lancio, circa 20 applicazioni per iPad erano state lanciate su MacOS Catalina, mentre molte delle più attese come Twitter e DC Universe erano ancora in fase di sviluppo.

iPad come display Mac (anche noto come Sidecar)

Mentre applicazioni come Duet Display hanno permesso agli utenti di trasformare i loro iPad in monitor esterni extra per macchine Mac (o Windows) per anni, Apple ha deciso di aggiungere questa caratteristica come funzionalità integrata nel sistema operativo di Catalina. Naturalmente, in questo caso funziona solo tra dispositivi Apple.

È molto facile da collegare usando l’impostazione Display sul vostro Mac con Catalina (suggerimento: andate in Display, in Impostazioni sul vostro Mac, e spuntate la casella per mostrare i display nella barra dei menu, se volete un facile accesso a questa funzione).

La funzione Sidecar funziona bene, è molto reattiva e generalmente agisce come ci si aspetta. Devo ammettere che non l’ho trovata molto utile, però, soprattutto se collegata a un desktop con un monitor a grandezza naturale. Altri potrebbero trovare più utile avere una singola app aperta su un piccolo schermo laterale come questo (forse qualcosa come Zoom o un cruscotto analitico in tempo reale). Sospetto che gli amanti del desktop a doppio schermo che vogliono usare l’iPad come secondo display per il loro MacBook quando viaggiano potrebbero essere anche loro fan di questa nuova funzione.

iPad come tavoletta da disegno per Mac

Anche se sarà utilizzato solo da un piccolo sottoinsieme di utenti, la parte più impressionante del Sidecar è come funziona quando si utilizza una matita Apple con un iPad collegato tramite Sidecar. In sostanza, trasforma l’iPad in una tavoletta da disegno dove gli utenti possono scrivere e disegnare con la Matita Apple sull’iPad nelle app per Mac che già supportano l’input della stilo, come Adobe Illustrator o Photoshop e Maya di Autodesk.

Con il nuovo iPadOS che ora riduce la latenza della matita Apple Pencil a 9ms (da 20ms in giù), la combinazione dei poteri dell’iPad e del Mac in questa nuova funzione sarà probabilmente una delle più gradite nuove aggiunte a Catalina per i creativi.

Apple Arcade rende il Mac una piattaforma di gioco

Il Mac è una piattaforma di gioco da molto tempo. Ma negli ultimi anni, i PC Windows sono stati la piattaforma informatica preferita dalla maggior parte dei giocatori (per molte ragioni diverse, ma soprattutto perché era lì che si trovavano i migliori hardware e software di gioco).

Questo non cambierà molto presto. Ma, Catalina viene fornito con l’accesso ad Apple Arcade, il servizio da 4,99 dollari al mese che promette una biblioteca di 100 giochi per iPhone, iPad, Apple TV e Mac per tutta la famiglia (fino a sei di voi). Con Catalina, il Mac ha anche la possibilità di collegare un controller PS4 o Xbox One. Arcade apre la sua intera libreria di giochi agli utenti Mac. In combinazione con l’applicazione TV, che ha un look and feel molto simile alle versioni iPad e Apple TV, questo rende il Mac più capace come dispositivo di intrattenimento.

Dovreste scaricare Catalina?

Se c’è una di queste nuove funzioni che siete pronti a iniziare ad usare subito, allora Catalina vale la pena di essere scaricata. Per esempio, se sei un designer e vuoi che le nuove capacità di disegno di Sidecar vengano utilizzate in Adobe Illustrator o se la tua famiglia ha già acquistato Apple Arcade e vuoi essere in grado di utilizzarla dal tuo Mac, allora questi sono buoni motivi per entrare in Catalina.

Un avvertimento importante è che Catalina termina il supporto per le applicazioni a 32 bit, quindi se vi affidate ancora alle vecchie applicazioni Mac, assicuratevi di aggiornarle o di trovare alternative prima di aggiornare al nuovo MacOS. Anche i DJ e gli animatori dovrebbero aspettare prima di aggiornare a Catalina, dato che le app per DJ spesso usano file XML per gestire enormi librerie musicali. Il passaggio di Catalina da iTunes alla nuova Music app cambia il formato della libreria e le librerie XML non sono più supportate.

A proposito dei Mac su cui potete installare Catalina, ecco la lista ufficiale dei modelli della Apple:

  • MacBook Air (metà 2012 o successivo)
  • MacBook Pro (metà 2012 o successivo)
  • MacBook (inizio 2015 o successivo)
  • iMac (fine 2012 o successivo)
  • iMac Pro (2017)
  • Mac Pro (fine 2013 o successivo)
  • Mac Mini (fine 2012 o successivo).