Home > How to > Come installare MongoDB su Ubuntu
MongoDB
Mongo DB

Come installare MongoDB su Ubuntu

Piattaforma

Produttore

Produttore

Download

Licenza

Open Source

MongoDB è un NoSQL Database, un db adatto ai documenti non relazionali. Si tratta di un database smart, il quale, rispetto al competitor MySql, è molto più agile e più moderno, al costo di non avere relazioni tra tabelle.

MongoDB viene utilizzato non solo per i siti Web ma per tutte quelle Web Application che hanno la velocità di esecuzione come priorità, un esempio sono le app per smartphone che girano su Web.

In questa guida vediamo come installare MongoDB su un server Ubuntu dedicato (o VPS).

Nel tutorial diamo per scontato che l’utente si sia connesso in SSH e abbia i permessi di root sulla macchina. In caso alternativo a ogni operazione va aggiunto sudo davanti.

Creare lo script di installazione

Il processo di installazione è molto semplice. Importiamo la chiave pubblica del repository:

apt-key adv --keyserver hkp://keyserver.ubuntu.com:80 --recv 7F0CEB10

Creiamo la lista di file per l’installazione:

echo 'deb http://downloads-distro.mongodb.org/repo/ubuntu-upstart dist 10gen' | sudo tee /etc/apt/sources.list.d/mongodb.list

Facciamo l’update del repository:

apt-get update

Installiamo il pacchetto:

apt-get -y install mongodb-org

Eseguire lo script di installazione

Una volta installato non si avvia da solo, diventa quindi fondamentale inizializzarlo. Eseguire:

sudo service mongod start

Un check

Di default ogni qual volta che si avvia il boot della macchina questo script dovrebbe essere eseguito e quindi MongoDB eseguito.

Comunque, per fare un check e capire se MongoDB è avviato basta digitale nella console:

ps aux | grep mongo

Dovreste vedere qualcosa del tipo:

mongodb 569 0.4 6.4 627676 15936 ? Ssl 22:54 0:02 /usr/bin/mongod --config /etc/mongodb.conf

Questo significa che il processo è avviato.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.